Il BDSM

“Il termine BDSM identifica una vasta gamma di pratiche relazionali e/o erotiche che permettono di condividere fantasie basate sul dolore, il disequilibrio di potere e/o l’umiliazione tra due o più partner adulti e consenzienti che traggono da queste soddisfazioni e piacere.
BDSM è infatti una sigla che sta per:

  • Bondage & Disciplina (B&D)
  • Dominazione & Sottomissione (D/s o Ds)
  • Sadismo & Masochismo (S&M o SM)

Molte sono le pratiche che possono essere ricondotte a queste macrocategorie, e ogni persona potrebbe essere interessata solo a una o a molte di esse, per questo motivo chi ha l’intenzione di cominciare a fare BDSM con un nuovo partner solitamente apre un aperto confronto sui reciproci gusti, arrivando in alcuni casi a dettagliate contrattazioni di quanto si andrà a fare.”

Wikipedia al solito ci da una mano a dare una definizione tecnica per capire cosa è esattamente il BDSM.
Se volete avvicinarvi a questo mondo, innanzi tutto dovete capire se siete attivi o passivi, se volete dominare o essere dominati, o se siete in grado di fare entrambe le cose e siete quindi degli “switch”.
Nel mondo del BDSM ci sono alcuni oggetti che vengono usati costantemente.

Nel BDSM ci sono quindi principalmente 2 ruoli che si riscontrano un po’ in tutti i campi, il masochista (che subisce le “violenze” e ne trae piacere) e il sadico (che invece elargisce punizioni e umiliazioni).

Bondage & Disciplina (B&D): Il bondage è una pratica che si sta diffondendo in tutta Italia, ma è ancora relegata ad una nicchia di pochi amanti del genere e che da fuori è riconosciuta come qualcosa di perverso e a tratti sadomaso.
Si tratta di un mondo sconosciuto ai più ma che suscita curiosità a molti. Ne è la prova è la diffusione sempre maggiore di serate a tema, di corsi individuali o collettivi, di festival dedicati con ospiti internazionali, filmografia e libri che raccontano storie basate sul bondage.
È possibile sia legare con corde, sia con corsetti, cappucci, bavagli, o catene, etc. In generale il Bondage si basa sull’impedimento consensuale della libertà fisica del movimento, di vedere, di parlare, di sentire.

Dominazione & sottomissione: Come in altre attività legate al BDSM, questa condizione può essere limitata nel tempo (generalmente della durata della scena) o può essere uno stile di vita, in quel caso si possono usare anche i termini Master o Mistress, Padrone o Padrona e il corrispettivo slave o schiavo/schiava. È comunque sempre possibile che una persona sia interessata ad entrambi i ruoli e viene allora definita, come abbiamo già visto, switch.
La simbologia maggiormente adottata consiste nell’uso del collare che viene donato dal Dom al sub, che sta a significare la presenza di un legame di appartenenza, l’impegno dei due in un rapporto BDSM con ruoli ed impegni precisi. Che vuol dire quindi essere Dominanti di qualcuno? Vuol dire che quel qualcuno ha dato alla persona Dominante il potere di decidere per lui o per lei su alcuni aspetti della loro vita, generalmente ma non solo la sfera erotica.

Sadismo & Masochismo: come in ogni cosa anche in questo ambito esistono vari livelli di S&M.
Noi ci limitiamo ad affrontare quelli meno estremizzati, in cui il dominatore infligge “sofferenze” blande e non troppo dolorose al dominato, tramite leggere fustigazioni, o pizzichi ai capezzoli, o sculacciate.
L’umiliazione può anche essere psicologica, imponendo ad esempio a un uomo di indossare un intimo femminile sotto gli abiti da lavoro.

Comunque sia, in ogni disciplina sopra elencata va ricordato che entrambi i “player” devono essere consenzienti e nel pieno possesso delle proprie facoltà, e che è sempre consigliabile pattuire una parola speciale che interrompa i giochi, perchè un semplice “no” potrebbe dal dom essere preso per una battuta facente parte del ruolo di sottomesso.
Inoltre, i partner o individui che si apprestano a giocare, devono avere piena fiducia l’uno nell’altro.

Un gioco dominante/dominato di coppia particolarmente stimolante è poter gestire a distanza il piacere sessuale del proprio partner. Come? Con un piccolo vibratore comandato a distanza!


Immaginate di essere in giro a fare shopping, o seduti in ufficio, o in un bar per un caffè, e sentire improvvisamente vibrare nelle vostre parti intime: saprete che il/la partner sta giocando col vostro corpo. Mentre tutti attorno a voi non si accorgono di nulla, sarete in balia di una app che attivata a distanza potrà controllare l’intensità della vibrazione e magari farvi raggiungere un orgasmo proprio sulla panchina del parco o mentre state lavorando a un progetto in ufficio!