Masturbazione maschile: quando e come farla per il proprio benessere

Innanzitutto una rassicurazione: la masturbazione non toglie nulla all’intimità nella vita in due, anzi. L’autoerotismo maschile fa bene all’umore e anche alla vita di coppia. Quello che forse non sai è che i benefici riguardano anche l’apparato riproduttivo maschile: infatti una pratica tutta da conoscere è il massaggio prostatico, vediamo perché e in che modo è efficace per la salute.

Lo sappiamo per certo: tutti gli uomini si masturbano, nessuno escluso. E chi dice di non farlo, mente!. Quello che non sapevamo, però, è che l’autoerotismo maschile non è solo piacevole, ma anche essenziale per il benessere psicologico e fisico della persona. Ma esistono dei tempi e dei modi “giusti” per praticare l’autoerotismo? Ecco come combinare al meglio piacere e salute.

Esiste una frequenza ideale per la masturbazione maschile?

Secondo il National Survey of Sexual Health and Behaviour dell’Università dell’Indiana, il 23,4% degli uomini tra i 25 e i 29 anni si masturba 2 o 3 volte alla settimana. E tutti gli altri? Non esistono stime precise né esiste, ovviamente, una frequenza “giusta” per la masturbazione, ognuno fa come crede e sente.

Tendenzialmente, l’autoerotismo è un comportamento più frequente durante l’adolescenza e tende poi a normalizzarsi con il passare degli anni, ma è un dato che può variare da un individuo all’altro ovviamente, e dalla storia sentimentale.

Ci sono uomini che si masturbano ogni giorno (il 40%, secondo alcune ricerche), altri che lo fanno di più in periodi di stress e altri che, al contrario, vivono un calo della libido nei momenti di maggiore tensione.

secondo sessuologi e psicologi ogni frequenza va bene, purché non si tratti di masturbazione compulsiva: se l’autoerotismo diventa un sostituto del sesso di coppia o di altre attività potrebbe essere il campanello d’allarme di un disagio più profondo.

Autoerotismo maschile: tutti i benefici

L’autoerotismo fa bene a tutti, uomini e donne. Oltre ai benefici generali (miglioramento dell’umore, diminuzione della tensione, miglioramento del sonno, aumento delle difese immunitarie, …), però, la masturbazione maschile ha delle ripercussioni positive specifiche, di cui beneficiano l’intero apparato riproduttivo maschile e la vita di coppia.

Uno studio dell’Università di Harvard ha esaminato un campione di oltre 30.000 uomini e ha scoperto che chi eiacula dalle 5 o più volte alla settimana ha il 33% di probabilità in meno di sviluppare un tumore alla prostata, che è il tumore più diffuso dai 45 anni in poi negli uomini. La ragione? Il frequente ricambio di liquido prostatico e di liquido seminale evita il crearsi di infiammazioni e infezioni.

Ma non finisce qui: l’autoerotismo è un ottimo allenamento per contrastare disfunzione erettile ed eiaculazione precoce. Masturbarsi non solo aumenta il desiderio (aumentando il livello di testosterone) ma permette di ridurre l’ansia da prestazione e di aumentare la durata del rapporto sessuale, con benefici per entrambi i componenti della coppia.

Non c’è ragione di prendersela se il partner si dedica al piacere in solitaria: lo fa per la propria salute e per voi!, ed è una cosa assolutamente normale

Autoerotismo e massaggio prostatico

C’è una modalità specifica di autoerotismo, poi, che amplifica i benefici appena elencati: si tratta del massaggio prostaticoLa zona erogena maschile più sensibile, infatti, è proprio la prostata, la piccola ghiandola posta sotto la vescica e responsabile della produzione del liquido prostatico.

Piccolo dettaglio: è raggiungibile direttamente solo per via anale, e questa è la ragione per cui la maggior parte degli uomini respinge l’idea della stimolazione prostatica. Eppure il massaggio alla prostata, oltre ad essere estremamente piacevole (l’orgasmo prostatico è considerato il più intenso e duraturo), consente di mantenere la ghiandola prostatica in salute, con beneficio dell’attività sessuale e della qualità dello sperma.

Un ottimo modo per vincere le resistenze è utilizzare un vibratore per prostata, studiato sull’anatomia maschile, semplice da usare e assolutamente efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *